Skip to content

Italian restaurant

4 giugno 2013

La notizia del giorno (se siete patiti di trasmissioni di cucina e grandi chef: io no) è che Jamie Oliver intende aprire una quindicina di ristoranti italiani in tutto il mondo.

Oliver, che ha 38 anni ed è a capo di un piccolo impero grazie alle sue doti di chef, autore di libri e personaggio tv, nonché proprietario di quattro ristoranti, è un fan della cucina italiana, e ora vuole aprire bottega anche a Canberra, San Pietroburgo, Istanbul, Singapore.Il cuoco dell’Essex ha iniziato a cucinare italiano a Londra, da Antonio Carluccio, alla fine degli anni 90.

Chissà se qualcuno alla notizia protesterà contro Oliver, che non è italiano. Come non sono italiani la maggior parte degli italian restaurant in giro per il mondo. E’ falso made in italy? Insorgerà la Coldiretti? Farà un sit in a Bruxelles?

In realtà, se date un occhio alle cucine di pizzerie, ristoranti, trattorie eccetera, almeno a Roma, trovate un sacco di cuochi, aiutanti, manovalanza assolutamente non italiana. Storicamete egiziani o comunque nordafricani, poi asiatici, moltissimi dal Bangladesh, per esempio. Gente che però ormai cucina italiano meglio di mammà.

Dunque auguri a Jamie Oliver, che in ogni caso fa comunque un piacere al made in Italy, perché ne porta in giro la bandiera e comunque, credo,  ricorrerà a fornitori italianissimi.

(come diceva Victor da piccolo, Auguri al cuoco!)

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: