Skip to content

Lingua di genere, o degenerata?

17 agosto 2012

    Uno dei miei topos nelle polemiche uno-contro-tutti è la questione della lingua (italiana) e del genere. Continuo – anche a rischio di vedermi correggere dai miei capi servizi, che qui accuso ufficialmente di conformismo linguistico… – a scrivere ministra anziché ministro quando trattasi di donna che dirige un dicastero, e assessora al luogo di assessore, sindaca invece di sindaco (sindachessa? orribile).
    Allo stesso modo, credo che quando ci sono tre persone, e due di queste sono donne, si usi il femminile anziché il maschile (esempio: le tre si sono dirette verso casa), oppure sia meglio, ma non sempre è possibile, usare delle perifrasi (anche se, quando scrivo per lavoro, evito di complicarmi la vita e soprattutto i rapporti umano-professionali con queste finezze).
    Stesso discorso per l’uso che trovo fastidioso dell’articolo “la” associato a donna. Errore (errore politico) che ho fatto anch’io recentissimamente scrivendo: la Soncini. Ma se avesse un fratello, non scriverei il Soncini ( linguaggio da mattinale dei Carabinieri). dunque, Soncini e basta
    L’opposizione alla declinazione sessuale del linguaggio è trasversale, politicamente parlando. Un mio amico e collega lulista (nel senso di Lula) contesta quel che giudica “una deriva femminista” e difende l’uso classico dei termini (ministro, appunto). Qualcuno, poggiando sull’interpretazione dell’Accademia di Francia della questione, dice che un conto è la funzione, un conto è il sesso, dunque la corretta dizione sarebbe “la signora ministro”.
    A questa destra linguistica, ai conservatori delle formule tradizionali (ma la tradizione è pur sempre un’invenzione, come testimoniano gli storici), ricordo che la lingua, come il tempo (come i popoli, le nazioni e un sacco d’altre cose) scorre, cambia, si modifica, in relazione alla realtà. La realtà è che in passato ministre non ce n’erano, oggi sì. Come diciamo maestro e maestra, dobbiamo dire anche ministro e ministra.
    Presidentessa no, magari, perché presidente è un termine sufficientemente neutro da essere accompagnato da diverso articolo, il, la, secondo il sesso di chi esercita la funzione.
    Ma neanche avvocatessa, visto che esiste (sia pur segnalato dal Garzanti come raro) il termine avvocata.

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: