Skip to content

Il secondo libro è sempre il più difficile per un artista

5 aprile 2011

Ecco, dopo aver letto il nuovo romanzo di Federico Baccomo, parafraserei Caparezza: Il secondo libro è sempre il più difficile per un artista.

Intanto, chi è Federico Baccomo? E’ l’autore di Studio illegale – che all’epoca firmò con lo pseudonimo Duchesne – geniale e divertente romanzo, nato come blog, su usi e costumi degli avvocati d’affari dei grandi studi legali.
(Dal romanzo dovrebbe uscire un film con Fabio Volo protagonista, e personalmente temo il peggio)

“La gente che sta bene” è in realtà uno “studio illegale” visto da un’altra prospettiva, non quella del giovane legale deluso che finirà per lasciare il lavoro e trovare la libertà, ma del maturo professionista Giuseppe Sobreroni, che però a un certo punto finisce vittima del meccanismo che fino ad allora ha elogiato, quello del potere e dei soldi.

Il romanzo scorre piacevolmente, però, appunto, pesa nella lettura (almeno ha pesato nella mia) il ricordo del primo libro, e gli inevitabili paragoni. Sobreroni è una macchietta e un archetipo, al tempo stesso. Le situazioni sono tragicomiche, il finale induce alla speranza. Però in fondo il contesto rimane lo stesso. E’ chiaro e ragionevole che Duchesne scrive su quel che conosce meglio, ma il rischio è quello della serialità.

Annunci
One Comment leave one →
  1. Francesco permalink
    5 aprile 2011 17:24

    basta che se magna

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: