Skip to content

Uno spettro si aggira per la Capitale: il nevichismo

24 gennaio 2005
tags: , ,

Ogni anno, puntuali, escono alla scoperto, maledetti nevichisti. Per un po’ di neve a Roma darebbero chissà che, invocano la poesia, il fascino del candido (con lo smog?) mantello, il romanticismo di certi paesaggi. E anche oggi eccoli a intonare il loro vudù, a sperare che in nottata il cielo rovesci neve sulla città.
Molto, molto pittoresco. Bleah. Quella neve che non è mai densa, ma solo acquosa e sporca. E quando invece una densità l’assume, è solo per poco, per poi lasciare le sue tracce zozze per una settimana. Quel fango melmoso che ti sporca le scarpe, che ti fa scivolare. Quell’umidità che ti fa coprire solo per poi doverti scoprire.
E poi, la circolazione in tilt. Perchè non è più come un tempo, non resti a casa a fare omini di neve che si sciolgono con la stessa rapidità che una scureggia impiega a perdersi nell’aere. No, devi andare a lavorare, comunque, con quell’altra massa di disgraziati, che sospirano lottando con la schiezza bianco-sporca.
Ma andate in montagna, nevichisti di merda.

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: