Skip to content

I matti di Palazzo Chigi

13 luglio 2004

No, non parlo di quelli che ci abitano, o meglio ci lavorano. Parlo della folla di spostati attirati soprattutto dalla presenza delle telecamere. Anche ieri, giornatina di verifica “hot” per il governo, ce n’era per tutti i gusti. La coppia sicula – Dio li fa e poi li accoppia – che aspettava ogni membro del Polo per salutarlo e battergli le mani, da Schifani a Calderoli. La tizia che vuole consegnare a Berlusconi le foto che gli ha scattato, e ferma tutti i giornalisti. Il tipo vestito a fiori che ripete enigmaticamente: “Al Gianicolo c’era il camion della monnezza che veniva giù a 100 all’ora”. La signora anziana con la faccia da cerebrolesa che, a bocca aperta, fissa l’ingresso del palazzo. Il tipetto coi baffetti da sparviero e un occhio che manda a fanculo quell’altro che s’aggira tra i giornalisti cercando di commentare qualcosa (ma cosa?). Etc. Etc. Etc.
Oltre ai giornalisti, naturalmente. Ma a noi ci pagano, non ci ricoverano.

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: